Bombay e Greth rimangono a casa

LT_LeisterStories_ESAF_SE_082019_01.jpg
Impegno sociale27 ago 2019

Il Festival svizzero della lotta libera svizzera e delle Alpi (ESAF) di Zugo è stato un evento magnifico.

Autore: Silke Landtwing, Manager Comunicazioni Aziendali, Leister Svizzera

Joel Wicki ha mancato per un pelo il titolo di Re di lotta libera, arrivando secondo e vincendo la mucca Greth, divenuta famosa per il suo tentativo di fuga. Marcel Mathis è arrivato terzo all'ESAF, vincendo la Bombay, la mucca Leister, così chiamata perché il Gruppo sponsorizza la mucca per il lottatore terzo classificato.

Non c'è bisogno di preoccuparsi, però, la bella Bombay potrà soggiornare nella fattoria Küchlerhof, molto vicino alla sede centrale di Leister a Kägiswil, perché Marcel Mathis ha scelto di prendere il premio in contanti di 20.000 franchi invece dell'alternativa a quattro zampe.

Christian Stucki ha fatto esattamente la stessa scelta. Invece del vitello toro Kolin - che avrebbe solo calpestato il suo prato, Stucki ha risposto alla domanda - Christian ha scelto il premio in contanti di 30,000 franchi. Anche Joel Wicki preferiva i suoi sudati CHF 24,000.- che con Greth la mucca.
Ma una cosa alla volta. La squadra locale di Zugo ha iniziato ieri a smantellare l'arena che ha impiegato 10 settimane per allestirla e che vanta la più grande tribuna mobile del mondo. Mentre sono impegnati in questo compito, possiamo rivedere gli eventi dello scorso fine settimana ESAF. Questo post del blog è un resoconto dell'atmosfera fantastica che si respira all'ESAF, di come tutto è stato organizzato e di come è andato l'evento per il team Leister. Silke Landtwing ha fatto il suo debutto nella lotta libera svizzera per Leister all'ESAF. Lei condivide con voi alcuni dei suoi pensieri e delle sue impressioni.

Leister all'ESAF 2019 a Zugo - una retrospettiva

Sono le 6:30 del sabato mattina. In realtà, è troppo presto per stare in piedi, ma quando la lotta libera è all'ordine del giorno, non importa. Alzarsi presto è parte di tutto questo, perché i lottatori fanno jogging nell'arena di Zugo alle 7:30 del mattino. Questo è qualcosa che nessun appassionato di lotta libera vuole perdersi. E nemmeno noi. Chi sono "noi"? Siamo i manager del Gruppo Leister, i dirigenti e una decina di altri dipendenti, e non ci perdiamo quasi mai un festival di lotta libera, soprattutto non il Festival svizzero di lotta libera e delle Alpi a Zugo (ESAF 2019). Il nostro obiettivo non è solo quello di sostenere finanziariamente i nostri lottatori dell'ISV (Associazione lottatori della Svizzera centrale), ma anche di persona come tifosi.

Una volta che la nebbia si è diradata, il sole ha illuminato i lottatori e i loro tifosi. Non avremmo potuto desiderare un tempo migliore per l'ESAF 2019 a Zugo. Certamente ha compensato il fatto che pioveva a secchiate mentre i lottatori dell'ISV si vestivano.

Che cos'è "lotta libera"?

Non avete idea di cosa sia "lotta libera"? Ecco alcuni link utili che vi aiuteranno a conoscere meglio lo sport nazionale svizzero prima di continuare a leggere o, se volete, anche dopo.

La gente di Leister "chömet drus"

"Chömet drus" è un detto svizzero tedesco che significa qualcosa come "conoscere le tue cose". Sulla tribuna B dell'ISV, nel blocco B4, nelle file 31 e 32, la squadra di Leister trabocca di nozioni tecniche nella lotta libera: Regula von Rotz, Ruth Gabriel, Urs Zimmermann, Reto Britschgi, Roland Beeler, Hanspeter Jung, Max Bucher, Stephan Vogler, Urs Schmid, Heinz Röthlin e, annidati tra loro, Silke Landtwing è l'unica novizia della lotta libera.

Regula e Ruth conoscono tutti i lottatori dell'ISV per nome. È quasi sorprendente. Fortunatamente, condividere le loro conoscenze è facile, perché sono seduti proprio dietro Silke. Molte grazie a Regula e Ruth - sarei stato perso senza di voi - e a Bruno von Wyl, che probabilmente l'ha pianificato in questo modo nella distribuzione dei biglietti.

Ruth Gabriel, l'amichevole receptionist della sede centrale di Leister a Kägiswil, tiene traccia del programma degli incontri di lotta, così sa sempre chi combatte chi, e in quale dei sette anelli di segatura. "Sai, alla reception dobbiamo fornire informazioni su tutto, tutto il giorno", ride.

Fanatici della lotta libera estasiati

Il fervore tra gli appassionati di lotta libera nell'arena è quasi impossibile da descrivere a parole. Quindi è meglio lasciare che siano le immagini a parlare. Nel video seguente, si può vedere una delle tante onde messicane che i fan hanno creato mentre facevano il tifo per i lottatori.

Nessun ESAF senza musicisti svizzeri

"Chi l'ha inventato? Gli svizzeri...", così sintetizza Ueli Maurer nel suo discorso. Ed è quasi impossibile non sentirlo.

La musica popolare svizzera è dappertutto, sia da parte della band, sia - ancora meglio - quando i "Büetzer Buebe" Gölä & Trauffer fanno la loro apparizione musicale nell'arena. Più di 1,000 persone assistono all'impressionante cerimonia di apertura, che porta le lacrime agli occhi di più di qualche visitatore, o almeno fa drizzare i capelli.

Joel Wicki - La grande speranza dei fan dell'ISV

Il 22enne Joel Wicki dell'ISV è stato uno dei favoriti a conquistare il titolo di Re di lotta libera. Il sabato si mette davvero in moto - in ognuno dei suoi quattro incontri, mette ogni avversario sulla schiena entro il primo minuto sul ring di segatura. Di conseguenza, finisce il primo giorno in cima alla classifica.

Fonte: www.esafzug.ch

Ora sappiamo che questa volta non è stato sufficiente per aggiudicarsi il titolo. Forse la prossima volta potrà fare un passo in più.

Ore 11:00. Il sole splende. L'atmosfera si sta scaldando.

Alle ore 11:00 del mattino, il sole ha sciolto quasi tutta la nebbia e l'atmosfera sulla tribuna dell'ISV si fa sempre più esuberante e allegra. I tappi di sughero schioccano da bottiglie di vino bianco, mentre si passano piatti di legno pieni di formaggio, salame, prosciutto e pane. I fan della lotta libera ovviamente sanno cosa ha un buon sapore e cosa appartiene a un buon vecchio festival di lotta libera. Se la novellina Silke non ha ancora capito perché parlano sempre di una "famiglia di lottatori", ora lo fa sicuramente. Qui tutti condividono tutto come in una famiglia.

Ed è tutto molto amichevole, come ci si aspetterebbe anche in una buona famiglia. Ueli Maurer, presidente della Confederazione Svizzera, gira per il festival senza pensieri e senza guardie del corpo. In quale altro grande evento sarebbe possibile?

I tifosi possono portare con sé nell'arena bottiglie di vetro e coltelli (per le bevande e gli spuntini). Questo sarebbe impensabile in una partita di calcio.

Anche gli appassionati di lotta libera lasciano il campeggio pulito e ordinato come l'hanno trovato. Chiunque abbia mai fatto pulizia dopo un concerto all'aperto sa quanto sia insolito. E ogni volta che qualcosa viene lasciato indietro, uno dei tanti "Chrampfer" lavoratori laboriosi sono a portata di mano per assicurarsi che scompaia nel giusto cestino della spazzatura.

Cosa prendere

Gli appassionati di lotta libera avranno bisogno di alcuni ingredienti per godere di un ESAF di successo. Questo è un elenco non al completo:

  • Una sveglia, in modo da potersi alzare presto e non perdere nulla.
  • Il tuo biglietto - molto importante!
  • Un binocolo, in modo da poter osservare i lottatori anche a distanza sulla tribuna.
  • "Schwingerkafi" (caffè con grappa di prugne) per "Z'morge" (colazione).
  • Articoli di base per la festa di lotta libera: tavola di legno, coltelli, formaggio, salame, prosciutto, pancetta, pane, vino bianco (soprattutto!), vino rosso, birra e bicchieri.
  • Il programma e le classifiche - dopo tutto, non tutti hanno una Ruth seduta dietro di loro.
  • Un piccolo cuscino o qualcosa di altrettanto comodo - una giornata seduta in tribuna può essere piuttosto difficile!
  • Occhiali da sole, crema solare, cappello da sole e un impermeabile da pioggia, perché gli ombrelloni negli stand sono un grande no-no, e non sempre si ha la fortuna di potersi sedere sotto lo stand coperto.
  • La guida del festival, in modo da potersi orientare nell'immenso terreno.

CORRETEZZA

La CORRETEZZA è uno degli aspetti più importanti dello sport nazionale svizzero della "lotta libera" sia tra i lottatori che tra i loro tifosi. Quando il bernese Christian Stucki batte il bernese Joel Wicki della Svizzera centrale, viene applaudito dai tifosi in tutte le tribune - anche se la maggior parte di quelli di Berna, naturalmente - ma c'è da aspettarselo.

Riassumendo con qualche dato

L'ESAF 2019 passerà alla storia come il più grande festival di lotta libera di sempre - e il superevento dell'anno nel calendario sportivo svizzero. Per darvi un'idea della sua portata, ecco alcune cifre relative all'ESAF:

  • 6,000 aiutanti che lavorano 120,000 ore in totale
  • 276 lottatori
  • 8,000 posti per il pubblico
  • 8,500 giornate di lavoro delle forze armate e della protezione civile
  • 70 ha / 172.97 ac di terreno del festival
  • 56,500 posti a sedere per gli spettatori nell'arena
  • Più di 100,000 visitatori al giorno, per un totale di oltre 400,000 (una stima - impossibile contarli tutti)
  • 10 settimane per allestire l'arena
  • 3 settimane per smantellare l'arena

Cibo e bevande

  • 14'000 l / 3698 gal. di vino
  • 230'000 l / 60'760 gal. di birra
  • 200'000 l / 52'834 gal. di acqua minerale
  • 100'000 l / 26'417 gal. di bevande analcoliche
  • 58,000 salsicce
  • 11,000 polli

"Dopo l'ESAF è prima dell'ESAF"

In un'intervista a Radio Pilatus, Joel Wicki ha detto: "Dopo l'ESAF è prima dell'ESAF." Dopo tutto, la prossima ESAF a Pratteln (cantone di Baselland) non è troppo lontana.

Non vediamo l'ora di fare il tifo per i nostri lottatori dell'ISV. Forse la Svizzera centrale riuscirà a conquistare il titolo di Re di lotta libera al prossimo tentativo.

I vincitori della corona di fiori ISV all'ESAF 2019 a Zugo - in fila, ragazzi