Cos'hanno in comune un tunnel e un lucioperca?

LT_Fischtank_Colasit_Basis57_App_35.JPG
Storie di successo

A prima vista, niente. Ma ci sono delle similitudini. In questo post potrete scoprire quali e come gli estrusori Leister vengono utilizzati per saldare gli enormi serbatoi in PE per l'allevamento sostenibile di lucioperca di "Basis 57" a Erstfeld, in Svizzera.

Autore: Silke Landtwing, Corporate Communications Manager, Leister Svizzera

Il tunnel è originariamente buio. I lucioperca (nome scientifico: sander vitreus) sono pesci predatori ed è quindi più probabile che si trovino sul fondo dei laghi, in quanto non vogliono essere visti dalle loro prede e dai loro nemici. Acqua: L'acqua è un problema nel tunnel, per questo motivo le pareti sono rivestite con membrane impermeabilizzanti in plastica. Queste vengono poi saldate con apparecchiature Leister. Il lucioperca ha bisogno di acqua per vivere, e più l’ambiente è pulito meglio è. È qui che i fili si uniscono, grazie alla start-up 'Basis 57 nachhaltige Wassernutzung AG' a Erstfeld, Svizzera.

Utilizzo sostenibile dell'acqua dalla galleria di base del San Gottardo

L’impermeabilizzazione del tunnel di base del Gottardo, lungo 57 km, è stato un progetto importante per Leister, di cui abbiamo parlato nel nostro blog.

L'acqua di montagna, drenata dalla galleria di base del Gottardo della NFTA (Nuova Trasversale Ferroviaria Alpina) attraverso membrane di plastica saldate con attrezzature Leister, non solo è particolarmente pulita (quindi estremamente adatta ai pesci), ma anche perfettamente temperata a 12 - 14°C / 53,6 - 57,2 °F.

Le menti creative di "Basis 57" hanno quindi pensato di utilizzare quest'acqua in modo sostenibile e sensato. C'erano molte idee. Fra queste, anche la produzione di birra ne faceva parte. Come allevare pangasi o bottatrici. Il lucioperca, conosciuto anche come walleye, alla fine ha vinto. Perché? Lo scoprirete in questo post, in quanto siamo stati sul posto e abbiamo visitato le strutture di allevamento.

Alcune anticipazioni: tutti coloro che amano mangiare pesce possono essere felici. Dato che il walleye è un pesce commestibile particolarmente nobile e buono, sarà presto disponibile anche in questo paese presso l'allevamento ittico sostenibile di Uri, grazie a 'Basis 57'.

Informazioni sull'azienda 'Basis 57’

"La start-up 'Basis 57 nachhaltige Wassernutzung AG' - che sta per 'Basis 57, corporazione per l'uso sostenibile dell'acqua' - è stata fondata più di dieci anni fa, quando il progetto NEAT era al suo apice", ci spiega Myriam Arnold, responsabile comunicazione e marketing di 'Basis 57'. Quando si è trattato di capire come utilizzare l'acqua di montagna in modo sostenibile, sono state discusse molte possibilità. "Dopo una serie di valutazioni, il maggior potenziale è stato visto nel pesce commestibile, ed è per questo che 'Basis 57' si sta concentrando sull'allevamento di lucioperca. Ciò con l'obiettivo di crescere questo tipo di pesce nel cantone di Uri in modo sostenibile", continua Myriam Arnold.

Allevamento in acqua di lucioperca

Solt Sokoray-Varga, responsabile di produzione per la piscicoltura a 'Basis 57', è stato professionalmente impegnato nell'allevamento del lucioperca per molti anni.

Nota dell'autore: i lucioperca da allevamento a ‘Basis 57' pesano circa 10 g (più o meno la dimensione di un dito). Potete trovare maggiori informazioni sul sito web dell'azienda.

Mentre Solt Sokoray-Varga ci mostrava le vasche di plastica nell’allevamento con le uova di lucioperca, siamo stati in grado di imparare da lui tantissime cose. Oltre al fatto stesso che non è un compito facile allevare il lucioperca. Anzi, richiede molta esperienza e tatto: i pesci predatori sono sensibili e hanno bisogno di buio, tranquillità, acqua pulita e alla giusta temperatura, e cibo secco dosato con precisione, in modo che si sentano bene e crescano sani. Questo è un altro motivo per cui il benessere dei pesci è la priorità assoluta nell'allevamento del lucioperca. Solt Sokoray-Varga sa, per esperienza, che "se il walleye non è comodo, non cresce".

Buone ragioni per la sostenibilità l’allevamento del lucioperca

In Svizzera, fino a questo momento, ci sono pochi allevamenti di lucioperca. Uno di questi è realizzato dalla società 'Basis 57'. Ciò rappresenta un vantaggio sul mercato e, oltre alla popolarità del walley come pesce commestibile, è una delle diverse ragioni per cui 'Basis 57' ha scelto il lucioperca nonostante tutte le sfide.

Grazie alla sua carne bianca e tenera, e con l'inconfondibile gusto delicato dei filetti disossati, il lucioperca (nome scientifico: sander vitreus) è un pesce molto ricercato. Un altro punto importante: Il consumo di pesce in Svizzera è costante. Ne arrivano circa 70'000 tonnellate ogni anno sui piatti. La maggior parte dei lucioperca (oltre il 90%) deve essere importata. Per tutti quelli interessati a conoscere le vie brevi di trasporto, la cura degli animali, l'allevamento sostenibile ed ecologico del pesce in acque pulite, sarà sicuramente preferito il walleye di Uri.

Perché le vasche per la piscicoltura sono realizzate in materiale termoplastico?

Nella piscicoltura si utilizzano spesso, oltre a vasche in plastica, anche recipienti in cemento armato o in altri materiali. Abbiamo chiesto all'amministratore delegato, Thomas Gisler, il motivo per cui la direzione di 'Basis 57' ha deciso di usare vasche in plastica in PE:

LT_Fischtank_Colasit_Basis57_App_5.JPG

"I bacini in PE rappresentano un miglioramento in termini di stabilità, oltre ad essere anche convenienti in termini di prezzo. Il PE ha inoltre un vantaggio rispetto al cemento o altri materiali. Se necessario, infatti, le vasche per il pesce si adattano più facilmente, in modo da rimanere più flessibili nel funzionamento.

Il PE può essere effettivamente riciclato? Chiediamo a Reto Britschgi, specialista del reparto Plastic Fabrication di Leister: "Sì, il PE è riciclabile al 100%, e questo si adatta perfettamente all'allevamento ittico sostenibile". Come funziona il riciclo? Contenitori, tubi o recipienti in PE non più necessari vengono inviati a un trituratore. Il PE frantumato viene poi granulato e, successivamente, viene rilavorato. Inoltre, il PE è particolarmente facile da pulire e offre una superficie adesiva molto ridotta per i germi. La conclusione di Reto: "Grazie alle sue proprietà, il PE è ideale per le vasche utilizzate nella piscicoltura sostenibile".

Quante piscine sono necessarie e come sono fatte?

Per l'allevamento del lucioperca a "Basis 57" sono necessarie vasche in PE di diverse dimensioni: si tratta di dodici piscine grandi, con un diametro di 6,8 m e 4 m di altezza, mentre le sei piscine più piccole hanno un diametro di 4,8 m e un'altezza di 4 m. In ogni caso, la parete ha uno spessore di 2 cm.

Per mantenere la riflessione della luce più bassa possibile, le vasche sono realizzate in PE nero. Purtroppo, la luce intensa disturba e stressa il lucioperca. Il personale di "Basis 57", responsabile dell'allevamento, per riuscire a vedere nelle stanze scarsamente illuminate e quasi buie con le vasche per la piscicoltura, indossa delle lampade frontali.

Colasit salda le vasche di allevamento con estrusori Leister direttamente in cantiere

Perché Leister è interessato all'allevamento del lucioperca a 'Basis 57'? Abbiamo buone ragioni per questo: in Leister la sostenibilità è sempre stata un obiettivo e in questo ci impegnamo, tra le altre cose, grazie anche ai nostri prodotti durevoli, agli edifici aziendali rispettosi del clima e all'uso attento delle risorse naturali. Troviamo sempre emozionante quando i nostri prodotti vengono utilizzati in termini di sostenibilità. Perciò siamo molto contenti che Colasit AG, un'azienda svizzera specializzata nella lavorazione della plastica, stia costruendo presso 'Basis 57' gli stagni per i lucioperca in PE. Leister ha goduto di una lunga e proficua collaborazione con Colasit, che continuerà ancora per molto tempo. Ancora una volta gli esperti di Colasit si sono affidati agli estrusori Leister, di alta qualità e bassa rumorosità. Grazie a 'Basis 57' e a Colasit per la loro grande collaborazione. Abbiamo apprezzato l'opportunità di essere sul posto per filmare e scattare foto.

Come si crea una vasca per i pesci

LT_Fischtank-Colasit_Basis57_thumb.jpg

Nel video si può vedere come la vasca in PE di Colasit venga saldata con l'estrusore Leister WELDPLAST S2. In particolare, la parete è saldata al pavimento in modo che la piscina, successivamente, rimanga sia tenuta stagna che resistente all'alta pressione.

Abbiamo sbirciato il saldatore professionista Piotr Kurys (operaio Colasit), che mentre lavorava ci ha detto cosa apprezza di più degli estrusori Leister: "Preferisco lavorare con gli estrusori Leister perché sono molto silenziosi".

LT_Fischtank-Colasit_Basis57_App_77.JPG

In questa immagine, si vede come il motore soffiante del WELDPLAST S2 si trovi all'altezza della testa di Piotr Kurys durante la saldatura. Con un cordone di saldatura di 21 m (ciascuna parete esterna delle grandi vasche per pesci ha questa misura) e una velocità di saldatura di 25 cm/min., Piotr ha circa 85 minuti di suono nell'orecchio, pause permettendo. Non c'è da stupirsi che sia soddisfatto dei silenziosi estrusori Leister.

Inoltre, l'ergonomia facilita i lavori lunghi. Quando si saldano progetti così grandi, è importante che gli operai possano tenere l'estrusore in una certa posizione con sicurezza, stabilmente e per un lungo periodo di tempo, senza stancarsi o soffrire di crampi durante la saldatura.

LT_Fischtank-Colasit_Basis57__App-53.JPG

Ecco una foto delle vasche d'allevamento completate. Presto il lucioperca nuoterà e crescerà qui a Erstfeld Uri, nell'acqua pura di montagna.

I primi filetti di lucioperca da Uri dovrebbero essere disponibili per l'estate 2021

Thomas Gisler è fiducioso: "Se tutto va secondo i piani, i primi filetti di lucioperca saranno disponibili nei negozi dell’azienda a partire dall'estate 2021. Troverete inoltre gli ottimi filetti di walleye di Uri sul menu di ristoranti selezionati. Pubblichiamo regolarmente informazioni aggiornate sul sito web di 'Basis 57'".

Links

Contatto per estrusori e costruzione di serbatoi

Reto Britschgi, Product Manager per gli estrusori, è il vostro interlocutore di riferimento per tutti gli aspetti di questo segmento di mercato. Se avete domande o bisogno di consigli, contattatelo.

LTAG_MA_RBR_BL_PRF_Marketing_02.jpg
Domande
Reto Britschgi

Reto Britschgi lavora come Product Manager Estrusori presso Leister Technologies AG. In qualità di esperto in questo campo, è responsabile dello sviluppo degli estrusori all'interno di applicazioni come la costruzione di serbatoi e container.